ios 14
Note 20 banner big

C’è un invito, e una data. Apple ha ufficializzato la data di presentazione della prossima generazione di iPhone, mettendo termine a tutte le voci inconsistenti che sono girate in questi giorni. E la data è fra una settimana esatta: il 15 settembre. Alle 19:00, ora italiana di martedì prossimo, saranno tolti i veli all’iPhone 12. Non sarà l’unico protagonista sul palco, verosimilmente virtuale, di Cupertino.

A fare da gregari ai nuovi iPhone 12, che porteranno a battesimo la versione definitiva di iOS 14, ci saranno anche i nuovi iPad e Apple Watch.

L’evento preparerà l’arrivo nei negozi della prossima generazione di dispositivi mobili e wearable. La line-up aggiornata dovrebbe però arrivare nei negozi durante l’autunno, verosimilmente a ottobre.

Apple ha cercato di mantenere abbastanza stabile la data dei keynote, che di solito si teneva nella prima decina dei giorni di settembre. Spostando di circa una settimana questo appuntamento, per l’appunto il 15 settembre, probabilmente l’azienda punta a procrastinare l’arrivo nei punti vendita dei nuovi prodotti.

Il ritardo, per così dire, è determinato dalla pandemia da Covid-19. Apple durante gli appuntamenti telefonici per commentare i dati fiscali del 2020 aveva già anticipato che i nuovi smartphone non sarebbero stati spediti a settembre. Per la cronaca, Cupertino avrebbe chiesto ai partner di produzione di preparare circa 75 milioni di unità.

Tornando all’oggi, appare piuttosto criptica l’immagine che accompagna la convocazione all’evento online del 15 settembre. Si tratta di una mela morsicata disegnata con una linea continua sfumata.

Tim Cook, Ceo di Apple, dovrebbe tenere a battesimo ben quattro iPhone 12: due versioni entry da 5,4″ e 6,1″ e due Pro da 6,1″ e 6,7″. Se queste indiscrezioni fossero confermate, con il modello da 5,4″ l’azienda torna a proporre smartphone super compatti. Mentre la variante da 6,7″ è la più grande mai presentata.

I modelli Pro manterranno l’impostazione a tripla camera degli attuali iPhone 11 Pro e Pro Max. Le edizioni normali dovrebbero confermare la doppia fotocamera degli iPhone 11. Le novità verteranno sul processore A14 (che si dice abbia prestazioni “folli”) e il display ProMotion con frequenza di refresh verticale a 120 Hz.

Tutti gli smartphone dovrebbero sfoggiare pannelli Oled (gli iPhone 11 e Xr adottano schermi Lcd a led). Non dovrebbe mancare nemmeno almeno una variante 5G. I Melafonini del 2020 sfoggeranno un design rinnovato, malgrado le cover a essi dedicati (le abbiamo viste in questi giorni) suggeriscano una coerenza estetica con l’attuale gamma iPhone 11 e 11 Pro.

Secondo i bene informati, gli iPhone 12 dovrebbero presentare linee più squadrate ai lati. Una soluzione stilistica già apprezzata sugli iPad Pro.

Per quanto riguarda i tablet, ci si aspetta che Apple rinnovi l’iPad Air attraverso un design più simile al fratello maggiore Pro. Dal canto suo, il Watch 6 sarà proposto in due edizioni high-end e low cost.

Infine, dal palco di Cupertino si attendono news per quanto riguarda il primo Macbook con processore Arm e una nuova generazione di smart speaker HomePod con Siri. Sul fronte dei servizi, ci si attende qualche notizia su Apple One, la piattaforma che unificherà la sottoscrizione dei piani a pagamento della Mela morsicata.