Apple ha rilasciato un importante aggiornamento del suo Safari Intelligent Tracking Prevention (ITP), la funzione di privacy che consente al browser Web dell’azienda di bloccare i cookie e impedire agli inserzionisti di curiosare nelle abitudini web. Secondo l’ingegner John Wilander di Apple, Safari ora blocca tutti i cookie di terze parti. Questa scelta può essere considerata una sorta di pietra miliare significativa per la privacy del web e colloca il browser di Apple due anni avanti rispetto a Chrome, dopo che Google ha dichiarato a gennaio che avrebbe iniziato a eliminare gradualmente i cookie di terze parti, ma non completamente fino al 2022.

Il browser avanzato

Apple ha lanciato ITP per la prima volta all’interno di Safari quasi tre anni fa, dove ha immediatamente impostato una nuova barra per gli standard di privacy web su desktop e dispositivi mobili bloccando alcuni, ma non tutti, i cookie per impostazione predefinita. Non solo. Secondo John Wilander oltre a bloccare i cookie di terze parti su tutta la linea e per impostazione predefinita, Safari ITP ora ha protezioni contro i tracker utilizzando la natura stessa della prevenzione del monitoraggio come modo per tenere sotto controllo gli utenti. Inoltre, Apple sostiene che il nuovo set di funzionalità garantisce anche che i siti Web e i tracker non possano utilizzare gli ID di accesso per gli utenti di impronte digitali che potrebbero altrimenti utilizzare la prevenzione del monitoraggio o altri strumenti per la privacy.

Apple Store in 20 nuovi territori

L’altra novità per la casa di Cupertino è l’annuncio dell’ampliamento di Apple Store ad altri 20 la fine del 2020. La comunicazione è apparsa sul portale dedicato agli sviluppatori. Al momento non è ancora stata reso nota la tempistica operativa che renderà disponibile il supporto per i nuovi mercato mondiali. Tuttavia, Apple ha chiesto agli sviluppatori di accedere ai propri account sull’apposito sito e di accettare gli accordi di licenza aggiornati per rendere accessibili le loro app quando sarà il momento. Attualmente, l’App Store è fruibile in 155 paesi o regioni in tutto il mondo. Qui di seguito l’elenco dei nuovi paesi che avranno accesso all’Apple Store:

Afghanistan 

Gabon

Costa d’Avorio

Georgia

Maldive

Serbia

Bosnia Erzegovina

Camerun

Iraq

Kosovo

Libia

Montenegro

Marocco

Mozambico

Myanmar

Nauru

Ruanda

Tonga

Zambia