TCL

Animal Crossing (la prima release risale al 2004 per GameCube) rappresenta un autentico fenomeno nei videogiochi. Il franchise di Nintendo e, in particolare, l’ultimo capitolo del fortunato Animal Crossing New Horizons, lanciato sulla console Switch nello scorso marzo 2020, continua ad attrarre l’attenzione dei fan. A dimostrarlo c’è un incredibile successo di vendite. Animal Crossing: New Horizons ha venduto 22,4 milioni di pezzi ad oggi, di cui i primi 11 milioni di unità in soli due mesi. Non solo le altre due release, ossia Animal Crossing: Wild World e Animal Crossing: New Leaf hanno venduto rispettivamente 11,75 milioni e 12,55 milioni di copie.

Un mondo incantato da creare

Ma quali sono le ragioni che hanno determinato questo successo? Animal Crossing non è come gli altri videogiochi. Il gamer non troverà mostri da combattere, voragini da saltare o principesse da salvare. Ma “solamente” un mondo incantato dove sarà possibile vivere una delle esperienze di gioco più magiche. Si potrà fare amicizia con moltissime creature, guadagnarsi da vivere onestamente (per esempio commerciando rape), o giocare con una console. Sono moltissimi i personaggi con cui interagire, e ancora di più sono le stravaganti attività con le quali il gamer potrà divertirsi occupando il tuo tempo. Qualche esempio? Dalla pesca alla ricerca di tesori sepolti dalla sistemazione della propria casetta, fino alla stesura delle lettere indirizzate ad amici e parenti. 

Senza limiti, solo divertimento puro

Animal Crossing è un gioco senza limiti. Non ci sono obiettivi, non c’è una trama, non c’è nemmeno una fine. E poiché nel gioco il tempo scorre alla stessa velocità che nel mondo reale, ogni giorno porta con sé nuove esperienze, permettendo al giocatore di esprimersi ancora più liberamente. Come? Ad esempio, anche comprando nuovi vestiti (magliette, pantaloni, gonne, cappelli, maschere e persino scarpe) dalle sorelle Ago e Filo o da Sciuscià, fino ad aggiungere stanze alla propria casa o arredarla con nuovi mobili. Qualsiasi cosa, gesto o azione si facciano sarà sempre piacevole. Il videogame un meccanismo che “punisce” le azioni sbagliate, per cui si potrà affrontare il gioco in totale rilassatezza. C’è solo il proprio obiettivo da raggiungere e ognuno deciderà quale sia.

Animal Crossing:New Horizons, l’aggiornamento autunnale e per Halloween

Il videogioco Animal Crossing: New Horizons è stato oggetto delle più disparate iniziative e attività che hanno coinvolto ambiti anche molto differenti tra loro: musica, showbiz, alta moda, arte, musei e addirittura politica. Si tratta di un titolo che cerca di simulare la vita reale e pertanto vive su ritmi diversi. E su Switch è ancora più intrigante e avvincente. In questo periodo, inoltre, i gamer possono vivere tutta l’esperienza autunnale e di Halloween, grazie all’aggiornamento gratuito uscito alla fine del mese di settembre. L’arrivo della stagione autunnale con ghiande e pigne che cadono dagli alberi, si combina proprio con l’aggiunta di alcuni tocchi spettrali con costumi di Halloween, opzioni di personalizzazione dei personaggi, progetti fai-da-te e festeggiamenti. Il prossimo up grade di aggiornamento, invece, sarà previsto a novembre.

L’Università di Macerata sbarca nel videogioco

Ma non solo. Animal Crossing: New Horizons semplice videogame si è trasformato in una vera e propria piattaforma virtuale altamente versatile, andando oltre il concetto di medium videoludico e conquistando il mondo intero. È però tutta italiana, e in particolare marchigiana, la prima realtà accademica che sbarca all’interno di Animal Crossing: New Horizons, stabilendo di fatto un primato mondiale. Si tratta dell’Università di Macerata, che ha deciso di creare la propria isola digitale all’interno del videogioco, fornendo a tutti i suoi studenti un ulteriore strumento per rapportarsi con il proprio ateneo in una maniera assolutamente all’avanguardia e in linea con le passioni ed esigenze delle nuove generazioni. l lockdown ha richiesto di ripensare agli spazi di incontro, di scambio e di condivisione tra le persone. Così, all’interno del Progetto Inclusione 3.0 dell’Università degli Studi di Macerata, un gruppo di studenti universitari, con e senza disabilità, ha deciso di incontrarsi e interagire nell’isola di Animal Crossing: New Horizons. Anche queste implementazioni dimostrano la forza e l’impatto sia del franchise, sia della release pubblicata su Switch. Che continua a collezionare apprezzamento da parte dei fan.