e-commerce
Note 20 banner big

L’Autorità ha concluso tre procedimenti istruttori nei confronti delle società e-commerce Smart Shopping S.r.l.s. (www.smart-shopping.it), Pricerus Group (www.pricerus.com) e delle imprese individuali Sharazon di Venerone Carmela e Share Distribution di Messina Antonio (www.sharazon.it e www.sharazon.shop), attive nella vendita online attraverso il buy and share, modalità basata sulla creazione di gruppi di acquisto per vendere prodotti a prezzi vantaggiosi.

Nello specifico gli operatori promuovevano sui propri e-commerce offerte commerciali in cui i consumatori venivano invitati ad “acquistare” prodotti a un prezzo particolarmente scontato. I clienti, inseriti in una lista gestita dal venditore, pagavano subito ma dovevano aspettare che altri effettuassero un analogo acquisto per poter ottenere il prodotto.

L’Autorità ha accertato che, in realtà, il pagamento richiesto era una prenotazione e non il prezzo scontato di acquisto perché solo i versamenti fatti da altri consumatori consentivano al primo di farsi consegnare la merce individuata sugli e-commerce. Inoltre, non venivano resi noti i meccanismi di funzionamento della lista di attesa e i tempi di scorrimento. Alla fine, i clienti che avevano prenotato la merce di solito non la ricevevano al prezzo scontato.

Gli accertamenti istruttori hanno anche evidenziato che ai consumatori era impedito l’esercizio dei diritti contrattuali come avere il rimborso di quanto versato in precedenza, acquisire il prodotto a un prezzo di mercato ed esercitare il diritto di recesso.

Secondo l’Autorità il comportamento delle quattro società di e-commerce costituisce una pratica commerciale ingannevole e aggressiva consistente nel prospettare, con modalità decettive, la possibilità di acquistare beni a prezzi estremamente scontati, omettendo di chiarire le condizioni alle quali veniva subordinata la consegna dei beni, ostacolando il diritto di rimborso e di recesso/risoluzione del contratto da parte dei consumatori, inducendo in errore i predetti, limitandone la libertà di scelta e di comportamento e, di conseguenza, inducendoli ad assumere una decisione di natura commerciale che non avrebbero altrimenti preso.

L’Autorità ha di conseguenza irrogato sanzioni, pari a 200.000 euro ciascuna, nei confronti di Smart Shopping S.r.l.s. e di Pricerus Group, e rispettivamente di 100.000 euro e di 200.000 euro nei confronti delle imprese individuali Sharazon e Share Distribution.

L’Antitrust ha pure concluso l’istruttoria nei confronti della società Teknoacquisti S.r.l., e-commerce attivo nella vendita online di prodotti di telefonia mobile attraverso il sito teknoacquisti.com, e ha accertato diverse violazioni del Codice del Consumo, relative alla mancata consegna dei prodotti acquistati online, all’omesso rimborso degli importi corrisposti dai consumatori per i prodotti non consegnati e al mancato rispetto di alcuni diritti dei consumatori nei contratti a distanza. La sanzione irrogata a tale società è pari a 110.000 euro.